Ultima chiamata: una proposta dal passato per riaprire gli occhi dal sonno della società di oggi.

40 anni fa un libro basato su un report di un gruppo di scienziati del MIT sconvolse il mondo: parliamo de The Limits to Growth (I Limiti dello Sviluppo) basato sul report di un team di coraggiosi scienziati del MIT. Oggi il loro messaggio è più attuale che mai: il pianeta Terra è un sistema finito e la crescita economica a pieno ritmo porterà la nostra società e l’ambiente sull’orlo del collasso.

Il documentario Ultima Chiamata racconta la storia dell’ascesa, caduta e rinascita di uno dei libri ambientalisti più controversi e stimolanti di tutti i tempi. Seguiamo gli eventi attraverso le storie dei suoi ideatori – Aurelio Peccei e Jay Forrester- e autori – Dennis e Donella Meadows, Jorgen Randers, Bill Behrens, un gruppo di persone molto diverse tra loro ma unite da una comune attenzione verso le future generazioni.

L’abitudine di prendere decisioni a breve termine dal punto di vista ambientale, economico e politico ha portato ad un ritardo d’azione di 40 anni, nonostante il libro anticipasse già allora la crisi globale che stiamo vivendo oggi. Cosa dovremmo fare ora che abbiamo oltrepassato i limiti? Siamo ancora in tempo per un’ultima chiamata? Gli autori di The Limits to Growth,supportati da straordinario materiale d’archivio, ci forniscono una visione provocatoria sulle ragioni della crisi globale e condividono con noi la propria idea del futuro. Quindi, cosa fare oggi che abbiamo oltrepassato i limiti?

C’è ancora tempo per un ultima chiamata?https://www.youtube.com/watch?v=y50ebFwDN5k

ULTIMA CHIAMATA è un documentario scritto e diretto da Enrico Cerasuolo

http://www.lastcallthefilm.org/

Prodotto da: Massimo Arvat per Zenit Arti Audiovisive in associazione con Skofteland Film (Norvegia)

Comments

  1. Rashon says:

    tanti hanno fiutato che c’e8 qsaucola che non torna…troppi terremoti, e catastrofi di vario genere. Sembra una vera e propria guerra invisibile.A presto

Rispondi a Rashon Annulla risposta

*


*